top of page

Bonus chef: La norma


chef

L’articolo 1, comma 117, della legge 178/2020 riconosce, fino al 31 dicembre 2022, un credito d’imposta ai cuochi professionisti presso alberghi e ristoranti

schema

COMMENTO


L’articolo 1, comma 117, della legge 178/2020 , come modificato dall’articolo 18-quater del Dl 228/2021, riconosce, fino al 31 dicembre 2022, un credito d’imposta ai cuochi professionisti presso alberghi e ristoranti, sia come lavoratori dipendenti sia come lavoratori autonomi in possesso di partita Iva.


Mentre con decreto del Ministero dello Sviluppo economico del 1° luglio 2022 , pubblicato in Gazzetta Ufficiale 216/2022, è stata data attuazione alla norma e con decreto del Ministero

delle Imprese e del Made in Italy del 29 novembre 2022 sono state individuati i termini e le

modalità di presentazione delle istanze di agevolazione, visto che l’articolo 1, comma 121, della già richiamata legge 178/2020, prevede che il predetto credito d’imposta possa essere utilizzato in compensazione ovvero possa essere ceduto ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari, con provvedimento del Direttore dell’agenzia delle Entrate del 31 maggio 2024, protocollo 252373/2024 (d’ora in avanti solamente provvedimento), sono state definite le modalità e i termini per tale cessione.


È bene innanzitutto ricordare che, dal punto di vista soggettivo, l’agevolazione è rivolta ai

soggetti che esercitano attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti,

- sia come lavoratori dipendenti,

- sia come lavoratori autonomi in possesso di partita Iva.


Come specificato all’articolo 1 del Dm 1° luglio 2022, per alberghi e ristoranti si devono

intendere i soggetti la cui attività prevalente, come comunicata con il modello AA7/AA9

all’agenzia delle Entrate ai sensi dell’articolo 35 del Dpr 633/1972, è individuata da uno dei

codici Ateco 2007 indicati nella tabella che segue.


Codici Ateco 2007 degli alberghi e ristoranti presso cui il cuoco professionista deve esercitare la propria attività:

55.10.00

Alberghi

56.10.11

Ristorazione con somministrazione

56.10.12

Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole

Per poter usufruire del credito d’imposta il cuoco professionista, come sopra definito, deve

rispettare le seguenti condizioni:

- deve essere residente o stabilito nel territorio dello Stato,

- deve essere alle dipendenze, con regolare contratto di lavoro subordinato, di alberghi e

ristoranti, ovvero deve essere titolare di partita Iva per attività di cuoco professionista svolta

presso i medesimi soggetti almeno dalla data del 1° gennaio 2021;

- deve essere nel pieno godimento dei diritti civili.


Sono in ogni caso esclusi dall’agevolazione i soggetti che dovessero trovarsi nelle condizioni

previste dalla legge come cause di incapacità a beneficiare di agevolazioni finanziarie pubbliche o comunque a ciò ostative.


Fonte: 24 Fisco / Il Sole 24 ORE

3 visualizzazioni0 commenti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page